fbpx

LA PREVENZIONE FA L’UOMO SANO.

Si parla spesso di prevenzione femminile e trascuriamo quanto sia altrettanto importante intervenire sulla salvaguardia della salute maschile.

Le statistiche affermano che al di sotto dei 50 anni d’età, il tumore al testicolo si aggiudica tristemente il primo posto in ordine di diffusione, sono infatti all’incirca 2.300 ogni anno le nuove diagnosi in merito.

E se nei più giovani è il tumore al testicolo a preoccupare, al di sopra dei 50 anni troviamo al primo posto, sempre in ordine di diffusione, il tumore alla prostata, problema che conta più di 36.000 casi ogni anno e circa 6.800 decessi.

Anche il tumore alla vescica, sebbene non sia un problema esclusivamente maschile, ha numeri preoccupanti. Il fatto che colpisca gli uomini tre volte più delle donne, lo classifica come seconda neoplasia più diffusa tra il sesso in questione.

C’è un dato che fa però ben sperare, ovvero la percentuale di sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi: in ogni caso risulta essere superiore all’80%, numero che contiamo di far alzare al più presto portando avanti campagne di prevenzione e screening.

Il Centro Sirio ci tiene a sensibilizzare gli uomini in tutte le loro fasi, dall’adolescenza all’età adulta, fornendo strumenti utili a tutela della loro salute e facendo informazione seria sul tema.

Fare prevenzione diventa fondamentale soprattuto dopo i 50 poiché il rischio di incorrere in malattie aumenta con l’avanzare dell’età e si aggrava con l’eventuale presenza del vizio del fumo, la sedentarietà e uno stato di obesità.

PARTICOLARE ATTENZIONE ALLA PROSTATA

Come abbiamo anticipato nelle statistiche, tra le malattie maschili più comuni ci sono quelle legate alla prostata, una ghiandola dell’apparato riproduttivo adibita alla produzione di liquido seminale.

Questa viene spesso compromessa oltre che da tumori, anche da disturbi come ipertrofia prostatica benigna, infezioni, calcolosi delle vie urinarie, impotenza e infertilità.

Attenzione ad alcuni segnali sospetti ed alla comparsa di:
» Difficoltà ad urinare, conseguenza dell’ingrossamento della prostata;
» Minzione ridotta o accentuata;
» Disfunzione erettile.

ESAMI PER OGNI ETÀ

Sottoporsi periodicamente a controlli specifici a seconda dell’età è lo strumento migliore per tenere sotto controllo e prevenire eventuali disturbi.

Fino ai 25 anni

Fin da giovanissimi un controllo andrologico-urologico è importante. Un check-up quale la palpazione del testicolo, da eseguire anche autonomamente almeno una volta al mese, può dare maggiore consapevolezza del proprio corpo e permette di intervenire in modo tempestivo in presenza di anomalie.

È raccomandato il vaccino contro il papilloma virus (gratuito tra gli 11 e 12 anni).

Fino ai 45 anni

Verso questa età i livelli di testosterone cominciano a diminuire ed è bene sapere che un valore troppo basso di questo ormone può dare l’allarme per la presenza di altre complicanze.

È utile e raccomandato mantenere uno stile di vita sano.

Oltre i 45 anni

Arrivati ad una certa età i controlli saranno finalizzati alla diagnosi precoce di possibili patologie a carico dell’apparato urologico ed al contrasto di sintomi che possono intaccare il benessere sessuale.

Il naturale ingrossamento della prostata (ipertrofia) potrebbe nel migliore dei casi non presentare sintomi, o al contrario portare fastidi e disagi a cui dover porre rimedio.

È importante anche misurare i valori del PSA, un esame importante per la prevenzione del tumore alla prostata.

COSA SERVE PER LA VISITA AL CENTRO SIRIO

Per richiedere una visita di controllo presso il Centro Medico Sirio di San Miniato Basso è necessario prima effettuare il dosaggio del PSA:

» Per i pazienti sotto i 60 anni: è richiesto il dosaggio PSA totale, libero e del rapporto totale/libero.
» Per i pazienti sopra i 60 anni: è richiesto esclusivamente il dosaggio PSA totale.

Affidati ai nostri specialisti e richiedi un controllo, fare prevenzione può salvarti la vita.

Menu